• Gio. Giu 24th, 2021

Dylan Dog Killex – Recensione

Oggi parliamo della nuova edizione della Sergio Bonelli Editore che raccoglie le due storie “Il cervello di Killex” e “Il ritorno di Killex” nel volume Dylan Dog Killex.


Un’edizione molto interessante che racchiude queste due storie scritte da Tiziano Sclavi e disegnate la prima da Giampiero Cesertano e la seconda da Corrado Roi.


Il Dottor Killex viene processato e rinchiuso per cannibalismo.
Chi è che ha ripreso a compiere i suoi efferati delitti? Forse la sua avvocatessa, nonché fidanzata di Dylan Dog, Joy Freeman sa le risposte. Questa è la trama della prima parte di questa storia.
Le storie sono entrambe molto interessanti e sono crude e mature proprio come piacciono a noi lettori di Dylan Dog. Effettivamente a scrivere la storia non è altri che il leggendario Tiziano Sclavi ovvero il padre di Dylan, quindi la storia inizia già con alte aspettative che fortunatamente non vengono smentite.


I disegni di Casertano sono davvero ottimi, netti e magri dando un senso gotico veramente fenomenale, la violenza delle scene e ben riportata e ci immerge nelle contorta trama della storia.

I disegni di Roi invece, essendo questa edizione a colori, perdono un po’ quel tratto puramente caratteristico del disegnatore, ciò che lo contraddistingue. Però rimangono sicuramente molto valide e suggestive tutte le sue tavole, come sempre del resto.


Sclavi e il suo team portano a casa una storia che vuole lasciare qualcosa al lettore e il messaggio può essere recepito in modo diverso, portando ad una lunga riflessione, sicuramente non scontata.
Una storia che di fatto è veramente potente e contorta, che andrebbe riletta più volte, per poterne apprezzare ogni sfumatura. Assolutamente un volume consigliato per tutti i fan dell’indagatore dell’incubo e non.
Molto interessante e toccante, anche se trattato un po’ semplicisticamente, il tema del nazismo nella seconda storia.


Il ritmo della narrazione è abbastanza veloce, la storia si legge in veramente poco tempo e non ne rimarrete delusi secondo noi. Una lettura estiva veramente ottima e consigliata.
Voi l’avete già letto? E cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *