• Gio. Giu 24th, 2021

PHANTOM STALKER WOMAN: UN HORROR PSICOLOGICO

CHE VI TOGLIERÀ IL SONNO

A fine dicembre disponibile in una nuova edizione

PHANTOM STALKER WOMAN è la celebre opera horror del maestro Minetaro Mochizuki, che tornerà sugli scaffali di librerie e fumetterie e negli store onlinedal 23 dicembre, in una edizione nuovissima.

La vicenda del manga si ispira a una nota leggenda metropolitana giapponese. Si dice che un uomo estremamente geloso abbia punito la moglie infedele e vanitosa tagliandole la bocca da parte a parte. Stando a ciò che si racconta, lo spettro della donna vaga ancora in giro per il Giappone, chiedendo agli sventurati che incontra se la trovino bella, per poi ucciderli. 

Cosa fareste, se vi capitasse di essere presi di mira da una donna spaventosamente inquietante e insistente? Il giovane Hiroshi lo scoprirà ben presto. Un incontro casuale segnerà per sempre la sua vita, trasformandola in un incubo a occhi aperti.

Un’opera cupa e terrificante, che invoglia il lettore a leggere il finale tutto d’un fiato, e che non potrà mancare nella collezione degli amanti dell’horror.

Il volume sarà disponibile dal 23 dicembre.

UMAMI 12

PHANTOM STALKER WOMAN

Minetaro Mochizuki

15×21, B, b/n e col., pp. 224, con alette, € 12,00

Data di uscita: 23/12/2020 in fumetteria, libreria e store online

Isbn 9788822620576

Un malcapitato studente universitario rivolge la parola a una donna sconosciuta che sta bussando insistentemente all’appartamento accanto al suo. Da quel momento in poi, la sua quotidianità si tramuterà in un inferno…

Minetaro Mochizuki nasce in Giappone, nella prefettura di Kanagawa, nel 1964. Nel 1984 vince il premio “Tetsuya Chiba” come miglior autore esordiente, e nel 1985 debutta sulla rivista «Young Magazine», anno in cui comincia la serializzazione di Bataashi kingyo.

Tra le sue opere principali ricordiamo BaikumeenOcha no maSamehada otoko to momojiri onnaDragon HeadMan shukuZutto saki no hanashiTokyo kaidoChiisakobee e L’isola dei cani.

Con Dragon Head vince il 21° “Kodansha Manga Award” nel 1997, e il premio come miglior fumetto al 4° “Osamu Tezuka Cultural Prize” nel 2000. Chiisakobe, invece, gli vale il premio come miglior fumetto al 17° “Japan Media Arts Festival” nel 2013, e il “Prix de la série” del Festival di Angoulême nel 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *