• Gio. Giu 24th, 2021

Desolation Club Vol 1 e 2- In un mondo senza gravità

Posted by MARTINA FRATTINI on DICEMBRE 22, 2020

Eccomi di nuovo con voi cari lettori a recensire una miniserie a fumetti edita da Saldapress e scritta da Lorenzo Palloni con le illustrazioni della talentuosa Vittoria Macioci, un fumetto dal profumo di sci-fi indirizzato ad un pubblico young-adult. Desolation Club Vol 1-Nuovo mondo antico e Vol 2-Senza freni sono stati pubblicati a quasi un anno di distanza, il primo nel Dicembre del 2019 mentre il secondo nel Settembre di questo 2020. Si respira aria di catastrofe e di mondo distopico in queste pagine ma con un tocco di dramma adolescenziale. Ma partiamo dall’inizio.

Il volume 1 si apre con un quadro generale che ci fa capire cosa è successo 500 anni prima rispetto agli accadimenti che andremo a leggere. All’improvviso, in un giorno qualsiasi, viene a mancare la gravità sul pianeta terra cosicché oggetti e persone vengono irrimediabilmente attirati verso lo spazio siderale per incontrare una macabra ed inevitabile morte e distruzione.

Veniamo quindi a conoscenza delle cause per cui la terra 500 anni dopo appare un luogo così ostile e in decadimento. I sopravvissuti sono mutati così da potersi adattare a quel mondo senza gravità e per la maggior parte di loro la vita può esistere solo vivendo al di sotto del terreno in piccole e sparute città sotterranee. Capiamo anche che bramano per la ricerca di quelle che loro chiamano bolle di gravità. Seguiremo il susseguirsi di vicende incentrate su un gruppetto di ragazzini annoiati che, come par ovvio a colpo d’occhio, stanno per combinare un bel casino, tanto che si troveranno irrimediabilmente ricercati dagli agenti della Loggia (il governo che vige ora sul suolo terrestre) e successivamente incarcerati. Ma non verranno abbandonati a loro stessi, i due papà di una di loro faranno di tutto per favorirne la fuga e infatti si daranno alla macchia tutti e cinque a cavallo dei Zik (robot con sembianze di animali dai lunghi tentacoli).

Alla fine di questa prima parte di racconto lasceremo i ragazzini alle prese con una grande perdita e ad affrontare un po’ tutte le loro paure più recondite fatte di solitudine, ansia, abbandono e inadeguatezza. Sono 72 pagine di cui le seguenti 24 sono le bozze dei personaggi e degli scenari tracciati dall’abile matita della fumettista.

Il volume due parte con il bisogno dei quattro personaggi rimasti di dare una svolta alla loro esistenza e di fare ciò che fino ad ora non hanno avuto modo di fare a causa delle rigide regole della Loggia: esplorare la Terra che per loro è di fatto un luogo sconosciuto e andare alla ricerca delle tanto bramate bolle di gravità. Si scontreranno con una flora e fauna decisamente ostili e la consapevolezza di tutte le vite spezzate tanti anni prima rispetto alla loro nascita.

D’improvviso, però, la svolta! Trovano per caso una delle bolle di gravità, all’interno vi è nato un piccolo borgo abitato solo da un cordiale vecchietto. I ragazzi si stabiliranno lì con il gentile invito di quest’ultimo ma la pace non è destinata a durare a lungo.

Un fumetto che ho trovato piacevolmente scorrevole, a tratti fin troppo dato che verso la fine del primo volume e la parte iniziale del secondo ho fatto fatica a stare dietro agli eventi narrati, un ritmo decisamente incalzante sostenuto alla perfezione dalla parte artistica dei disegni. Li ho apprezzati particolarmente per l’originalità, un po’ spigolosi ma comunque sicuramente piacevole alla vista. Come in ogni dramma che si rispetti e che coinvolge una categoria quale quella degli adolescenti si andranno a toccare più temi contemporaneamente, la differenza sociale, la diversità fisica, l’orientamento sessuale, le differenze caratteriali, la voglia di crescita e di rinascita e il forte senso di ribellione. Personaggi a mio avviso ben caratterizzati e piacevoli, sono riuscita bene ad immedesimarmi nelle situazioni e a catapultarmi in questo mondo a me sconosciuto. Anche per questo secondo volume troviamo 72 pagine di racconto e le restanti di contenuti speciali.

Questi due volumi di Saldapress, come ho mostrato all’inizio di questo articolo, si presentano con dei cartonati dalla resa grafica meravigliosa, entrambi i libricini sono ricchi di contenuti speciali riguardo ai disegni di personaggi e del mondo fantastico stesso ma sono presentati così senza nessuna spiegazione e nessun approfondimento in merito, diciamo che avrei apprezzato di più una spiegazione sulle scelte artistiche che mi sono state proposte in quella sezione in particolare. Come ho già detto…ottimo prodotto che mi sento di consigliarvi, alla prossima lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *