• Sab. Giu 19th, 2021

Le terrificanti avventure di Sabrina – Parte 4: Sì o No?

Il 31 Dicembre 2020 è arrivata su Netflix la quarta parte de Le terrificanti avventure di Sabrina, stagione molto attesa proprio perché l’ultima di questa serie che in molti abbiamo amato. Il ritorno a Greendale, però, non è stato esattamente come me lo auspicavo, anzi tutt’altro.

In poche parole non sono rimasto pienamente soddisfatto di questa ultima parte, quasi avesse perso quel tocco di magia che mi aveva fatto appassionare quando la iniziai, ed è un vero peccato. Si avverte la voglia di fare uscire velocemente questo prodotto, poco curato e fin troppo “sciocco” rispetto a quanto ci eravamo abituati, ma cerco di spiegarmi meglio.

Sabrina in questa stagione deve affrontare la più grande minaccia mai palesatasi al suo cospetto: Gli orrori di Eldritch ( personaggi ispirati dall’imensa mitologia di Lovcraft), che minacciano l’Universo intero. Viste le premesse, quello che mi aspettavo era una storia con una componente dark molto più presente rispetto alla precedente stagioni, ma così non è stato. In realtà ci troviamo una storia veramente poco profonda, senza la “complessità” che ci aspetterebbe da una così altisonante minaccia e dalle vicende che girano intorno a quest’ultima.

Non mi fraintendete, Le terrificanti avventure di Sabrina non è mai stata una serie TV con una complessità di trama fuori dal comune, ma aveva comunque un’ottima costruzione della medesima. In quest’ultima parte, sempre considerando le anticipazioni, mi aspettavo un step ulteriore, mantenendo quell’aspetto di costruzione che tanto mi era piaciuto. Ci troviamo davanti ad una storia tanto banale quanto confusa, sembra non avere un vero scopo, tranne quello di chiudere quanto prima la serie. La stessa presentazione e sconfitta degli Orrori è stata troppo semplice, troppo assurda in senso negativo, quasi non si riesce a percepire la minaccia.

Per concludere il discorso trama senza fare spoiler, troviamo dei buchi non da poco, quando uno dei punti forti di questa serie era proprio il senso di continuità sempre molto presente.

Per quel che riguarda i personaggi, non ho grandi elogi da spendere nemmeno qui. Gli Orrori di Eldritch quasi non avevano senso di esistere, privi di una qualsivoglia caratterizzazione non riuscivano a trasmettere la benché minima sensazione di paura o disagio nella loro apparizione, un tentativo veramente mal riuscito di omaggiare Chutulu e tutti i sui amici e parenti, ma più che ispirazioni sembravano caricature degli stessi. I personaggi storici della serie hanno avuto invece un’incredibile involuzione (non tutti ovviamente, ma ora ci arrivo).

Sabrina e le sue zie dalle grandi streghe e donne che erano, sono diventate l’ombra di quei personaggi tanto amati. Lo stesso discorso è valido anche per Lilith, e sono veramente dispiaciuto per la scrittura di questo personaggio, a mio avviso la Female Fatal più bella vista ultimamente sul piccolo schermo. Gli amici della protagonista, sia umani che stregoni, sono stati praticamente inutili, dei punti durante tutta la stagione. Spezzo però una lancia a favore di Ambros, ad oggi ancora il miglior personaggio di tutta la serie e che non ha perso nulla della propria bellezza. Anche il padre Faustus, colui che ha risvegliato gli orrori, colui il quale ruolo abbiamo sempre pensato essere quello di villain finale, il grande avversario… In realtà non è stato così! Ha preso il ruolo da “protagonista” per una puntata e poi è stato quasi dimenticato, o comunque è rimasto poco utile alla continuazione della storia.

Non mi sento di bocciare totalmente questa stagione, poiché ho apprezzato molto la scenografia e le ambientazioni, i rimandi a Lovecraft su pur sommari e l’interpretazione degli attori nonostante la non eccelsa scrittura dei loro personaggi. Hanno dato tutto quello che potevano e sì, inutile nergarlo, ho adorato l’effetto nostalgia.

Per concludere posso dire di essere rimasto però deluso, chiusura troppo frettolosa e poco spiegata. I buchi di trama e la caratterizzazione dei personaggi veramente mal gestita non hanno aiutato una storia già poco coinvolgente. L’unica domanda che mi pongo è se la colpa, se di colpa possiamo parlare, è da imputare alla prematura cancellazione della serie da parte di Netflix, o ad un’idea iniziale già impostata male.

Voi cosa ne pensate?

Voto: 6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *