• Ven. Giu 18th, 2021

Dr. Stone Reboot: Byakuya / La recensione.

Dr. Stone Reboot: Byakuya è un volume unico, scritto e disegnato da Boichi. In Italia è stato pubblicato da Edizioni Star Comics.

È il primo spin-off di Dr. Stone, serie manga serializzata sulla rivista Weekly Shounen Jumpdi Shueisha. L’opera, sempre illustrata da Boichi, è sceneggiata da Riichirō Inagaki. La trama di Dr. Stone parte da un determinato evento: all’improvviso, tutta l’umanità viene pietrificata. Il giovane scienziato Senku Ishigami e il suo amico Taiju si risvegliano dopo migliaia di anni e insieme decidono di ricostruire la civiltà da zero, cercando anche di capire chi ha provocato la pietrificazione.

La storia di Dr. Stone Reboot: Byakuya invece, si incentra su sei astronauti che, durante la pietrificazione, si trovano nello spazio così da rimanere gli unici sopravvissuti del genere umano. Tra i membri dell’equipaggio c’è anche Byakuya Ishigami, padre di Senku, che decide di salvare suo figlio e tutti gli esseri umani, portando a termine una missione: riuscire a tornare sulla Terra, precisamente in Giappone.

Prima di poter analizzare i punti principali di questo volume, bisogna presentare i personaggi:

Byakuya Ishigami, è appassionato di scienza e soprattutto dello spazio. Motivato poi da suo figlio, riesce a passare l’esame da cadetto astronauta, iniziando così ad avvicinarsi alla realizzazione del suo sogno. Dopo cinque anni, diventa a tutti gli effetti un astronauta e sale a bordo dell’astronave Sojuz, arrivando così sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Lillian Weinberg, è una famosa cantante americana che riesce a salire sull’astronave come civile.

Shamil Volkov, è il capitano dell’astronave.

Connie Lee, ex impiegata della NASA, è l’ingegnere dell’equipaggio.

Yakov Nikitin, è il comandante della Sojuz.

Darya Nikitina, è la moglie di Yakov ed è lei che prende le decisioni al posto del marito.

Rei, robot creato da Byakuya.

Nei primi capitoli, viene mostrato l’equipaggio, che cerca di pianificare il miglior modo per raggiungere la Terra a distanza di  ore e giorni, dopo la pietrificazione. Mentre nei capitoli successivi Rei è il protagonista, in seguito alla partenza dei suoi compagni, cerca in tutti i modi di non far precipitare l’ISS, anche dopo molti anni.

Il tutto viene narrato in perfetto stile di Dr. Stone e la scienza, alla fine, rimane sempre la vera protagonista.

All’interno del volume ciò che risalta maggiormente è il rapporto tra Byakuya e Senku, l’astronauta non si arrende davanti alle difficoltà, l’amore che prova per suo figlio lo porta a fare qualsiasi cosa, anche quella che sembra impossibile. Da sottolineare anche i sentimenti: la nostalgia che il piccolo robot, nonostante non sia umano, prova per il suo creatore.

I lettori della serie principale poi, noteranno il parallelismo tra l’intelligenza di Senku e quella di Rei.

Sicuramente alcune scene possono sembrare surreali, ma trattandosi di un manga e come affermato dall’autore stesso: “certe cose si possono fare”.

Boichi, mangaka di origini coreane, oltre che per Dr. Stone, è conosciuto in Italia anche per le serie Sun Ken Rock e Origin. I suoi disegni sono semplicemente fantastici, non si può rimanere indifferenti alla bellezza di alcune tavole, si resta ad osservarle tranquillamente per alcuni minuti.

In conclusione, è una storia piacevole, indirizzata principalmente per chi segue la serie principale, in quanto vengono mostrati alcuni dettagli non rivelati in Dr. Stone.

Il volume, in edizione brossurata con sovraccoperta, è composto da 192 pagine in bianco e nero, al prezzo di 4,90 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *