• Gio. Set 23rd, 2021

Justice League Snyder Cut – Dignità per gli eroi DC al cinema

Ci siamo! Dopo mille peripezie di produzione, dopo tanti forse e tante speranze ormai andate è arrivata la Snyder Cut, nella versione di Zack Snyder della Justice League. Il progetto come sappiamo nel 2017 era stato abbandonato dallo stesso per via di un lutto in famiglia e affidato a Joss Whedon perché lo alleggerisse, uscendo poi nelle sale cinematografiche senza ottenere successo e anzi, alimentando il malcontento generale. Per fortuna, però, Warner Bros ed HBO hanno deciso di riprendere in mano il tutto e farlo finire al Regista originario.

Ho usato un titolo così forte e un po’ provocatorio con cognizione di causa, perché non c’è altro modo di vedere questo film se non quello di un portare giustizia e dignità a dei personaggi che al cinema non hanno avuto lo spazio e l’attenzione meritata. Senza stare qui ad addossare colpe o indicare colpevoli, sappiamo tutti che il DCEU non ha navigato in buone acque, nonostante la validità indiscussa di alcuni dei suoi titoli.

Stavolta, ci troviamo davanti a qualcosa di EPICO. Sì, avete capito bene, mai termine è stato più calzante per un film di questo genere. Ha tutto quello che si potrebbe volere da un film sulle Justice League, ed anche qualcosa in più che forse sarebbe stato meglio omettere. Ma andiamo con ordine:

Zack Snyder, un nome quasi temuto nel mondo dei Cinecomics, associato a grandi titoli come Watchmen, ma anche a titoli decisamente meno brillanti, come il caso di Batman V. Superman, stavolta ha messo tutto se stesso nella realizzazione di questo film, e si vede.

Ci troviamo davanti ad un’idea completamente diversa rispetto a Justice League (2017), un film arrivato già zoppicante al cinema per via di una direzione di base incerta e non del tutto chiara. Aspetto che in questa incarnazione, invece, è ben delineato e deciso.

La storia e il soggetto del film non sono cambiati molto, anzi praticamente sono gli stessi, ci sono però delle aggiunte piuttosto significative allo svolgersi delle vicende: molti più dettagli e una scrittura dei personaggi decisamente più accurata e approfondita, per quanto alcuni di questi rimangano un po’ anonimi. Finalmente abbiamo un senso di continuità nella storia, un percorso che va seguito dall’inizio alla fine perché ha uno scopo, un punto di arrivo.

Abbiamo avuto un Villain degno di questo nome. Minaccioso, arrabbiato e volenteroso di far prevalere il suo Re.

Per quanto riguarda la sceneggiatura, che ricordo non essere ad opera del regista, bensì di Chris Terrio, ha sicuramente arricchito una già valida storia. Alcune scene non solo sono state ben girate, ma sono state addirittura iconiche. Trasudavano infatti un senso di epicità e un senso di eroismo immensi. Nonostante questo, sfortunatamente, alcune scene erano impostate veramente male, mentre altre ancora erano belle da vedere, ma di poco peso per la continuazione del Film o per la Trama in generale.

Fotografia ed Effetti Speciali li ho trovati veramente di livello, figli sicuramente di una produzione altalenante, ma convincenti fino alla fine. Quasi a voler rendere giustizia (termine non usato a caso n.d.r.) a tutte le critiche ricevute per questi aspetti nel 2017.

Concludo la “disamina tecnica” con un plauso all’interpretazione degli attori (quasi tutti) veramente bravi. Dico quasi tutti perché, un po’ anche per la scrittura del loro personaggio, alcuni di loro non mi hanno convinto fino in fondo.

Come vedete, quando prima ho usato il termine “epico” non intendevo che fosse privo di errori, ma che fosse esattamente quello che doveva essere: una rivalsa per la Justice League. Un progetto ambizioso che doveva far trasparire questa stessa ambizione, la voglia di riscatto, la potenza… E dannazione se c’è riuscito.

Non posso che promuovere questo Film, e promuovere anche i suoi difetti. Non mi aspettavo – e nessuno dovrebbe aspettarsi – un film privo di errori, sarebbe impossibile, quasi improponibile aggiungerei.

In una nota polemica vi dico che non trovo giusto il paragone con gli Avengers, perché non ha senso, sono due gruppi con basi molto differenti e come tali vanno trattati. Abbiamo davanti un Justice League che cinematograficamente si regge finalmente sulle sue gambe, che porta avanti un concetto e che riscatta un percorso veramente trasandato.

Non so se mai accadrà, ma spero vivamente che venga presa in considerazione l’idea di far ripartire il DCEU da qui, da un base solida come questa potrebbe scaturire veramente un’epopea supereroistica da capogiro.

Prima del voto vi ricordo che potete commentare e dirci la vostra, tanto sul Film che sulla nostra Recensione, sia su Facebook che su Instagram.

Voto: 8.5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *