• Mar. Set 21st, 2021

La Templanza – La Recensione

Salve a tutti lettori di Octonet!

Oggi sono qui a recensire la nuova serie TV partorita dagli Amazon Studios: La Templanza, per cui ci tengo a ringraziare Amazon Prime Video Italia per avermela fatta vedere in anteprima.

La Templanza è un drama romantico basato sul romanzo di successo di María Dueñas (The Time in Between, Las Hijas del Capitán) ambientato alla fine del XIX secolo.

Vi lascio qua la trama:

Racconta la storia di Soledad Montalvo e Mauro Larrea, personaggi che si sono fatti da sé e i cui destini si incrociano in modo imprevedibile. La loro è una storia incentrata sul superamento delle avversità e la ricerca del proprio posto nel mondo, su come viene costruito un impero e su come in un solo giorno tutto può andare perduto.
La Templanza porterà gli spettatori nelle tumultuose comunità di minatori messicani dell’800, passando attraverso i salotti più esclusivi dell’alta società londinese, fino ad arrivare nella Cuba della tratta degli schiavi e da lì alla gloriosa Jerez dove si trovavano i vigneti più ricercati.

Nel cast, che è veramente ampio, tanto da contare circa 300 attori, troviamo:

Leonor Elizabeth Ceballos Watling (La settima musa, Lezione ventuno) che interpreta Soledad Montalvo, nipote di un grande produttore vinicolo spagnolo e una dei due coprotagonisti;

Rafael Novoa (El Senor de los Cielos), nei panni di Mauro Larrea, l’altro coprotagonista, uomo partito con nulla se non i due figli dalla Spagna per raggiungere il Messico;

Nathaniel Parker (Merlin, Le Cronache di Narnia) è Edward Clayton, uomo d’affari inglese e ricco importatore di vini;

Esmeralda Pimentel (The Color of Passion, El Candidato), interpreta invece Mariana Larrea, figlia primogenita di Mauro Larrea.

A differenza delle altre recensioni, questa preferisco farla in prima persona in quanto è un genere diverso da quello che mi piace recensire di solito, e trattandosi di una telenovela spagnola trovo che possano esserci diverse opinioni contrastanti.

Ma passiamo ora alle mie impressioni:

Nonostante i temi siano i classici di ogni Telenovela Spagnola, di conseguenza si ripetano sempre gli stilemi di un amore tormentato con annessi problemi famigliari ed economici, posso dirvi che l’ho trovata davvero carina. La serie ha un background storico davvero ben fatto nonostante la stereotipizzazione di alcuni personaggi, e questo probabilmente è ciò che me l’ha fatta piacere. Come già accennato i temi trattati sono del tutto identici a quelli che possiamo ritrovare in una qualsiasi serie confezionata nella penisola iberica, ma la bravura degli attori e il montaggio delle varie puntate fanno sì che lo spettatore sia pienamente coinvolto e desideroso di andare avanti. Dal mio punto di vista è decisamente un prodotto ben riuscito e gradevole al punto da poter essere consigliato, chiaramente rivolgendomi a un pubblico in cerca di qualcosa di leggero.

La durata delle puntate è di circa 50 minuti, ma questo non va ad appesantire la visione, crea invece un senso di completezza tale da poter considerare ogni puntata alla stregua di un cortometraggio.

Lo spettatore è inoltre invogliato a continuarne la visione grazie anche ad alcuni cliffhanger perfettamente posizionati in modo da aumentare la curiosità.

Voto complessivo: 8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *