• Mer. Giu 23rd, 2021

I Guardiani Italiani Vol. 1 – L’era di Empire: La recensione

Scritto a “quattro mani” da: Lorenza Zanca e Andrea Scaflani.

Salve a tutti! Io sono la new entry del team Octonet e per avvicinarmi a questo affascinante e ricco mondo, ho deciso di trattare questo progetto.

Guardiani Italiani” è un progetto che prevede la pubblicazione di una serie di volumi e che vede come protagonisti dei supereroi italiani. Questi, sparsi per l’Italia, portano il nome di qualcosa che è appartenente alla loro regione, cosa che, durante la lettura li rende conoscibili.

Il primo volume che ci viene presentato, porta il titolo “L’era di Empire“: L’opera è caratterizzata da dei disegni molto dinamici, che durante il corso della lettura, invitano il lettore a soffermarsi sulla loro bellezza, sebbene la sceneggiatura, non risulti del tutto scorrevole.

In “L’era di Empire”, aldilà di questa piccola nota negativa, sono state molte le cose che ho profondamente apprezzato: La prima sicuramente è l’ambientazione improntata nei giorni nostri, che certamente alleggerisce il clima col quale viviamo da un (bel) po’ di tempo. La seconda è l’intersezione di elementi fantastici, con tematiche sensibili e politiche che ricorrono nel nostro tempo, come la corruzione. La terza che sento di dover citare, sono i dialoghi che io, invece, ho apprezzato: Sebbene alcuni punti, un po’ agnostici, ho trovato molto simpatica l’idea di un linguaggio diretto e in alcuni punti, dialettale.

L’opera si apre introducendoci subito il personaggio di Empire, un nemico forte che vanta non solo di seguaci, bensì di un vero e proprio esercito di mostri, col quale i nostri supereroi avranno molto a che a fare, poiché sparsi in buona parte del territorio Nazionale. Proprio a causa di questa minaccia predominate, i supereroi saranno legittimati ad uscire dalla loro regione di appartenenza (sì, le esigenze lavorative) e ad unire le loro forze.

Tuttavia, tra una scazzottata ed un’altra, sono presenti anche scene che mettono in luce i rapporti interpersonali tra personaggi e piacevoli riferimenti a celebri supereroi, che rendono più completa l’opera in sé; Ciò porta al lettore non solo ad appassionarsi alla storia, bensì ad avvicinarsi anche alle vicende personali dei nostri protagonisti.

Attendo il secondo volume, che uscirà a breve… e nel tempo di questa attesa, vi consiglio questa piacevole lettura e fateci sapere!

Lorenza Zanca.

Desideravo leggere questo fumetto poiché, prima che uscisse la versione cartacea, la sigla interpretata dei celebri Cristoni D’Avena, mi aveva colpito parecchio. Già all’uscita, il fumetto vanta di ben due artbook: uno su Villain e uno su Guardiani e che consiglio una lettura approfondita.

Questo primo volume, L’era di Empire, vanta di disegni eccellenti. Purtroppo però – personalmente – non si può fare lo stesso discorso della sceneggiatura in quanto, risulta fallace. Nelle pagine presentate, fallisce il tentativo di presentare la moltitudine di personaggi. Tuttavia, da parte degli sceneggiatori, spicca il desiderio di voler raccontare, narrare il più possibile di questa saga.

Il nemico da sconfiggere è Empire, che vanta di una schiera possente di seguaci e che, a quanto pare, risultano tutti avere una storia da raccontare, proprio come gli eroi.

L’azione non manca grazie alla bellezza dei disegni, che ci aiuta a godere di scene ben studiate. D’altro canto, però, sebbene vi siano scene di scazzottate goliardiche, delle references ai supereroi dei fumetti più famosi, i dialoghi non risultano scorrevoli. Purtroppo, anche il tentativo di far parlare i personaggi in dialetto, non aiuta nella fluidità della lettura.

La storia parla dei Guardiani Italiani, che operano nei confini del territorio di appartenenza, sebbene si spostino per il paese per dei team-up. Per essere più riconoscibili, prendono il nome della loro regione o di qualcosa di tipico della zona.

Alcune relazioni tra loro, verranno spiegate sommariamente nei pochi dialoghi che avranno a disposizione. Questo perché, dovranno prepararsi, in primis, alla minaccia del nemico Empire e dei suoi emissari, nonché seguaci.

Non che non lo abbia apprezzato, perché è stata una lettura interessante, che ho intenzione di approfondire con il secondo volume che uscirà a breve. Spero che, comunque, riuscirà a rimediare ad alcuni dei problemi di sceneggiatura dovuti alla fretta di far sia vedere, che conoscere, tutti i protagonisti della storia.

Andrea Sclafani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *