• Gio. Set 23rd, 2021

Quanto è complicata la preadolescenza? Ale & Cucca voll. 1-9 – La recensione

Ale & Cucca è una serie a fumetti scritta e disegnata da Elisabetta Cifone. L’opera, edita da Shockdom per la sua collana Kasaobake, conta per adesso nove volumi.

Ricordate l’età in cui si odiano le regole, si crede di essere già grandi abbastanza per fare determinare cose? Sì, mi riferisco proprio alla preadolescenza, quella difficile fase dove non si è più bambini, ma si va verso l’adolescenza. L’autrice emiliana infatti ci trasporta in una storia in cui vengono narrate le vicende di un gruppo di tredicenni. Le due protagoniste sono Alessia “Ale” Porpora e Veronica Nereo, detta Cucca; le due ragazzine anche se sono completamente diverse, sono unite da una forte amicizia.

La storia, divisa tra passato e presente, racconta maggiormente le prime amicizie, i primi amori, le prime gelosie e le prime esperienze. E anche se ci si trova di fronte ad una generazione degli ultimi anni, chiunque ha vissuto determinati momenti, e, si sa, “le prime volte” le ricordi per tutta la vita.

Durante  la preadolescenza, ci si ribella ai genitori, si crede di poter conquistare il mondo e si vuole crescere più fretta. Molto spesso si dice “che problemi può mai avere un ragazzino?”, niente di più sbagliato, non bisogna mai sottovalutare le preoccupazioni dei preadolescenti. Durante questa fase della vita, si crede che le difficoltà siano insormontabili, si pensa che non ci sia una via d’uscita e si prendono alla fine delle decisioni sbagliate. Ale e Cucca è un fumetto che tratta anche il tema dell‘autolesionismo e del suicidio. Queste tematiche vengono raccontate in maniera reale, delicata, ma d’effetto. L’autrice non si risparmia, riesce a far appassionare il lettore, narrando una storia semplice, ma d’impatto.

Ottima la caratterizzazione di ogni personaggio, è impossibile che il lettore non identifichi il sé stesso tredicenne con uno di loro.

I disegni presentano il tipico tratto shoujo, l’autrice è molto brava a dare espressività ai volti dei personaggi e quindi a rappresentare le loro emozioni. All’interno di alcuni volumi figurano inoltre degli omaggi a Lady Oscar – Le Rose di Versailles e a Dragon ball.

Alla fine dei volumi si possono trovare poi: i disegni omaggio di altre autrici italiane, una galleria di immagini, un capitolo extra.

È da sottolineare che nei primi due volumi non c’è nessuna nota che spieghi il significato dei modi di dire bolognesi, un lettore non emiliano trova delle difficoltà a riguardo, questa lacuna però è stata colmata dal terzo volume.

In conclusione, Ale e Cucca racconta una storia di crescita, di ribellione e di prime volte che fa riflettere sulla nuova generazione. Sicuramente è consigliato a chi ama lo shoujo.

I volumi sono disponibili in fumetteria, in libreria, online e nello store della casa editrice italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *