• Mer. Giu 23rd, 2021

Angel Vol. 1-2: La Recensione

Angel è sicuramente un nome familiare a molti di noi. Tutti coloro che sono cresciuti o che comunque hanno assaporato la serie Buffy l’Ammazza Vampiri lo riconosceranno sicuramente.

Oggi andiamo a parlare proprio di lui, del personaggio creato da Joss Whedon ormai oltre 20 anni fa. Un personaggio facente parte non solo di un prodotto ormai cult del suo genere, ma anche di uno spin-off di tutto rispetto incentrato proprio su di lui.

La serie originale (Buffy) e lo spin-off (Angel) hanno in realtà avuto lunga vita anche a Fumetti, dopo la chiusura della Serie TV. Fino a non molti anni fa, infatti, le avventure degli amici di Sunnydale è proseguita sulle pagine di diversi albi. Dopo aver chiuso anche la parentesi fumettistica per parecchio non si è sentito parlare della nostra ammazza vampiri preferita. Questo fino al reboot a fumetti, progetto che sta avendo un notevole successo, merito anche della qualità delle storie. E come poteva mancare all’appello anche un rilancio del buon vecchio Angel? Rilancio di cui andremo a parlare nello specifico in questo articolo.

Piccola precisazione: non specificherò tutte le volte che sto parlando della serie a fumetti di Angel, per non sembrare ripetitivo. Quindi lo chiarisco qui, così possiamo proseguire.

Il rilancio di Angel pone le basi per la ricostruzione del personaggio, senza perdere le caratteristiche affascinati che lo contraddistinguono. Dal senso di colpa, alla sua voglia di redenzione, non manca veramente nulla dell’iconico personaggio.

Si diceva però di staccare un po’ l’attuale Angel dal suo Originale, pur mantenendo quei tratti distintivi tanto amati dal pubblico. L’opzione scelta è stata quella di dargli uno scopo. Non fraintendetemi, aveva uno scopo anche nella sua prima incarnazione, ma era troppo “succube” dell’influenza di Buffy. Il “nuovo” Angel ha quindi uno scopo e una squadra. È stato reso un personaggio nuovo, mantenendolo però “vecchio” e di culto.

Forte di questo Bryan Edward Hill ha iniziato a costruire la sua trama, creando una storia credibile e coinvolgente, analizzando anche alcune problematiche del mondo moderno e di come il male stesso si adatti alle epoche che avanzano. Un Horror dai tratti verosimili, con il quale puoi immedesimarsi ed empatizzare. Leggendolo non si può far altro che rimanere coinvolti dalle vicende narrate, anche se magari non se ne colgono tutte le sfaccettature. Non può assolutamente risultare noioso.

Ciò che risalta più agli occhi di un lettore sono le caratterizzazioni dei personaggi. Dai secondari, strutturati per introdurre una determinata situazione o per mandare avanti una certa trama, a quelli principali che hanno tutti un ruolo in constante evoluzione e un carattere ben definito, ma spigoloso. Non ci sono buoni assoluti o cattivi assoluti, ognuno fa quello che ritiene giusto per aiutare gli altri o se stesso, fatto sta che nell’insieme funzionano benissimo. Presi singolarmente invece, da un punto di vista meramente tecnico sicuramente il personaggio più riuscito è quello di Lilith: un demone primordiale, un’oscurità che combatte l’oscurità…ma a modo suo. Personaggio criptico, enigmatico che al contrario degli altri non sarà un qualcuno da scoprire/rivelare. Lei è qui adesso, è stata qui prima e sarà qui anche dopo.

Ai disegni troviamo Gleb Melnikov. Ammetto che ho visto il suo tratto per la prima volta proprio in questi rilanci… e me ne sono innamorato. La resa dei volti è accuratissima, la dinamicità delle scene d’azione è impattiva all’estremo [non è un termine usato a caso. Leggete Angel per capire N.d.R.]. Il suo modo di costruire le tavole è meraviglioso, un vero esercizio di stile. Il più grande pregio dello stile di disegno di Melnikov, adattato poi al tipo storia, è sicuramente la realizzazione delle scene splatter.

Prima delle conclusioni vorrei menzionare il grande lavoro dei due coloristi Gabriel Cassata e Roman Titov. Mai sottovalutare il lavoro di un colorista, essenziale tanto quello di un disegnatore.

Siamo arrivati dunque alle conclusioni e non posso fare altro se non consigliarvi questi due volumi. Vi consiglio anche di recuperare il resto del nuovo Buffy-verse, essendo molto collegati gli uni agli altri sarebbe buona cosa avere un quadro completo.

Vi ricordo che i fumetti di Angel e affini vengono portati in Italia da Saldapress e sono disponibili in tutte le fumetterie e sul loro sito (Angel 2 uscirà giovedì 22 Aprile).

Voto: 8.5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *