• Ven. Giu 18th, 2021

Mars New Edition 1 – La recensione

Mars serie manga editata in Giappone dalla Kodansha tra il 1996 e il 2000, è stata scritta e disegnata da Fuyumi Soryo. L’opera, composta inizialmente da quindici volumi e un extra, sarà riproposta da Edizioni Star Comics in una nuova edizione di otto volumi, pubblicati dalla casa editrice giapponese tra il 2006 e il 2007.

Kira Aso è una ragazza così timida e riservata da apparire fredda e distaccata. Rei Kashino invece è un ragazzo estroverso e popolare, all’apparenza risulta superficiale e violento. Lei ama dipingere, mentre lui ama le moto da corsa. La passione della ragazza li farà avvicinare e, visto che sono compagni di classe, si ritroveranno a frequentarsi maggiormente. I due sedicenni, tanto diversi da sembrare incompatibili, finiranno per cambiare e completarsi a vicenda.

 “La parola Mars, o “Marte” ha un duplice significato. È il nome del pianeta rosso, ma anche quello di un’antica divinità della guerra.”

Ritorna uno degli shoujo più amati degli anni ’90 che ha fatto innamorare gli appassionati del genere romantico. In questo primo volume vengono presentati i personaggi e si gettano le basi per lo sviluppo della trama.

La storia ruota principalmente intorno al rapporto che si crea tra i due ragazzi, il sentimento che li lega nasce in modo naturale, e quasi i due non se ne rendono nemmeno conto. Nella maggior parte dei manga romantici, solitamente, i giovani protagonisti si fanno mille problemi per qualsiasi cosa e arrivano a baciarsi anche dopo molti volumi.

In Mars il tutto si sviluppa in maniera semplice e diretta, infatti inizialmente Kira è insicura nel volersi avvicinare a Rei, complici anche le varie voci che girano su di lui, ma nel momento in cui lo conosce meglio e si rende conto dei sentimenti che prova per il giovane motociclista, tutti i gesti e le parole che si scambiano, sono spontanei.

Si intuisce che questa storia d’amore non avrà certo un percorso semplice. Il passato di Rei e il suo carattere, di sicuro non renderanno facile la vita di Kira e il loro rapporto.

Si dice che l’apparenza inganna e i due giovani lo dimostrano. La ragazza inizialmente è molto schiva nel rapportarsi con le persone, si avverte che c’è qualcosa nel suo passato che la porta ad assumere questo atteggiamento. Stesso discorso per Rei: è un ragazzo che si mostra sfrontato, non ha paura di nulla, sembra anche superficiale nei sentimenti, ma si percepisce che ha avuto un’infanzia difficile che lo tormenta e alcuni particolari del suo passato vengono anche svelati. Entrambi dovranno distruggersi a vicenda la corazza che hanno costruito in tutti questi anni. Certamente non mancano i cliché del genere, ma la storia comunque non ne risente.

In questo primo volume vengono trattati anche alcuni temi delicati come il bullismo, le molestie sessuali, il suicidio e più volte viene nominata anche la morte.

Riguardo ai disegni, non mancano ovviamente gli elementi grafici tipici dello shoujo, come gli occhi grandi. Il tratto inconfondibile di Fuyumi Soryo è delicato e particolare. Nella maggior parte delle tavole gli sfondi sono assenti, ma nel momento in cui sono presenti, sono dettagliati. L’autrice di fatto ha cura dei dettagli, infatti basta solo osservare il design della moto per rendersene conto.

Non mancano gli omaggi ad altre serie manga come Pretty Guardian Sailor Moon.

Concludendo, Mars racconta sì una tormentata storia d’amore, ma è molto di più. È una storia che mostra la crescita di due anime fragili. È una storia che tratta tematiche importanti e attuali e lo fa in maniera delicata, ma allo stesso tempo diretta. Questo primo volume riesce a emozionare e anche a creare la giusta curiosità nel voler conoscere gli sviluppi futuri del rapporto tra Kira e Rei.

Il primo volume, è disponibile dal 21 aprile in fumetteria, libreria, online e sullo shop della casa editrice umbra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *