• Mar. Set 21st, 2021

Oggi parliamo del manga, anzi del Manhwa (essendo appunto coreano) di Solo Leveling. Un vero è proprio astro nascente del fumetto asiatico, soprattutto sud-coreano.

La serie nasce come Light Novel, realizzato da  Chugong (추공?) ed ebbe immediatamente un enorme successo, tanto che nel 2018 viene trasposta in Manhwa, in formato webtoon. Disegnato DUBU del Redice Studio sempre sulla piattaforma KakaoPage, la stessa che aveva in primis ospitato la novel.

Chiusa la premessa – a mio avviso doverosa – quello di cui andremo a parlare in questo articolo è il primo numero della sua trasposizione a fumetto (Manhwa), distribuita in Italia da Star Comics.

Vorrei subito tagliare la testa al toro: non credo, come molti hanno detto, che in questo volume ci sia poco da dire, anzi. Abbiamo tutte le basi per capire quanto effettivamente valga Solo Leveling.

Quello che ci troviamo davanti è un fantasy in tutto e per tutto, semplicemente trasportato ai giorni nostri. Abbiamo un protagonista, degli aiutanti e un viaggio da intraprendere. Nonostante questi punti siano un po’ atipici, ci sono e costituiscono una base solida sulla quale sviluppare la storia.

Parlando un po’ dei personaggi, trovo che siano ben caratterizzati. Soprattutto il protagonista nonostante la sua “classicità” è una figura piuttosto accattivante e coinvolgente; durante questo primo volume ha dato prova di non essere solo “il debole che vuole diventare forte” ma che ha tanto altro da offrire. Per quanto riguarda gli altri personaggi, dubito li vedremo lungo tutta la serie, tuttavia sono stati scritti piuttosto bene e non solo messi lì a supporto del protagonista senza un vero senso.

In generale la storia è molto convincente, molto scorrevole e per nulla noiosa. Certo, un volume non può essere preso a modello di tutta la serie, possiamo però capire le impronte della trama e questa – a quanto ho letto – promette veramente bene. Per il momento non mi dilungo oltre, voglio avere più informazioni per poter dire se effettivamente è una storia valida, cosa che per il momento appare.

Per l’adattamento invece, non posso esprimermi troppo non avendo letto la novel originale. Posso però dire che la sceneggiatura è veramente di alto livello: ottimo uso dei tempi e delle inquadrature che vanno a supportare una valida storia e contribuiscono a renderla molto scorrevole.

In ultimo, ma non per importanza parliamo dei disegni di DUBU: Belli a dir poco. A mio avviso, il punto forte di Solo Leveling (Manhwa) rimane proprio la parte grafica, molto ricca e dettagliata. Un tratto perfetto per la storia che andiamo a leggere, ovvero dinamico e molto scrupoloso (specialmente nel rappresentare volti ed espressioni) che permette a lettore di immedesimarsi sempre di più nella trama narrata. Da non sottovalutare la sua bravura nelle location, essenziali in un fantasy.

Piccola menzione d’onore al colore, che non è una cosa solita da vedere per chi legge manga e sono contento che abbiano optato per una scelta di questo tipo per Solo Leveling.

In conclusione il primo volume è assolutamente promosso e super consigliato. Lo consiglio in special modo agli amanti del fantasy e dei GDR.

Voto: 8.5/10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *