• Mar. Set 21st, 2021

Racconti dal Derryleng 1 – La recensione

Benvenuti al Circolo Le Horla, una sorta di club del libro per pochissime persone, dove le storie dell’horror sono il piatto del giorno. Padrone di casa: Angus Derryleng. Questo mese la Bugs comics ha pubblicato il primo volume (di quattro) dello spin-off di Samuel Stern: Racconti dal Derryleng, una raccolta delle storie più belle di “Mostri”, più una inedita con protagonista il vecchio libraio.

L’albo è strutturato in questo modo: sono presenti precisamente nove storie tratte da Mostri, poi, tra un racconto e l’altro, viene narrata la storia inedita dove ai testi troviamo Massimiliano Filadoro e Marco Savegnago, mentre ai disegni Alessio Maruccia.

In questo racconto inedito, Angus dà il benvenuto ai suoi ospiti e narra loro alcune storie dell’orrore, alla fine di ognuna di esse ci sono degli scambi di opinioni tra i membri del club letterario.

Quali sono queste storie? Ve ne parlerò di seguito in maniera non molto approfondita per evitare di rovinarvi la lettura.

Elsie, sceneggiata da Massimiliano Filadoro e disegnata da Cristian di Clemente, è una storia ambientata nella Londra del 1863. Henry narra cosa successe quando un giorno suo cognato, il cacciatore Lord Alfred Remington, portò in casa una particolare preda, catturata in una regione inesplorata dell’India. Racconto sorprendente e d’impatto. I disegni sono ben realizzati, donano la giusta atmosfera inquietante alla narrazione.

Giuseppe Ferrara e Cristian Di Clemente sono rispettivamente sceneggiatore e disegnatore di Ballo di nozze. In questo racconto Thomas ha deciso di sposare Claire, anche se non è più la stessa da qualche giorno. Finché morte non li separi, oppure no? Degli ottimi disegni illustrano una storia triste che mostra cosa succede quando l’essere umano non accetta la dura realtà.

Burocrazia: Sognare ha un prezzo? Martin Ross che soffre di disturbi del sonno scoprirà presto che gli incubi sono gratis, ma i sogni no. Gianmarco Fumasoli crea una storia molto particolare che strappa alla fine anche un sorriso. I disegni, realizzati da Riccardo Latina, sono semplicemente magnifici, sembrano quasi tridimensionali.

Novelle Cousine, è scritta da Gianmarco Fumasoli ed è disegnata da Giampiero Wallnofer. In questo racconto, il critico culinario Lawrence Bernard capirà grazie a suo fratello Todd che alla fine non aveva mai davvero assaggiato tutti i tipi di carne esistente. Storia disturbante che potrebbe far passare l’appetito a chiunque. I disegni sono semplici e nelle tavole prevale l’utilizzo del grigio.

Denti da latte, vede alla sceneggiatura Andrea Guglielmino e Sergio Badino, mentre ai disegni Quirino Calderone. È noto sapere che quando un bambino perde un dente, aspetta l’arrivo della fata dei denti, ma qualcuno potrebbe avere un altro motivo per incontrarla. I disegni ben realizzati da Calderone narrano una storia d’amicizia che stringe il cuore.

Viaggio verso casa, sceneggiata da Marco Scali è una storia che racconta le vicende di alcuni soldati che firmano la propria condanna a morte dopo aver compiuto delle azioni crudeli. Uno splendido racconto di magia vodoo, di vendetta e di razzismo, illustrato egregiamente da Umberto Giampà.

Cena di fidanzamento, è scritta da Andrea Guglielmino  ed è disegnata da Riccardo Frezza. Che tu sia un umano o un lupo mannaro, avrai sempre una certa ansia nel conoscere per la prima volta i tuoi suoceri. In questa storia John lo scoprirà e sarà pronto a tutto pur di farsi accettare dalla famiglia di Sue. Storia molto simpatica e ben disegnata.

-In Tenta la fortuna, un uomo sfida la storte alla slot machine in un posto abbandonato, cosa potrebbe mai succedere? Marco Scali presenta una storia dove l’avidità è la vera protagonista. Ottimi i disegni di Giorgio Spalletta.

-L’ultima storia è Natasha che vede ai testi Alex Crippa, mentre ai disegni Dario Tallarico. In un prestigioso college della contea del Maine, Natasha è una ragazza che viene derisa da tutti perché ha una parte del viso ustionata, ma Johnny sembra essere diverso dai suoi coetanei. Funzionerà tra i due? La ragazza ha trovato il suo principe azzurro? È una storia realistica, dove i mostri non sono creature di fantasia, ma sono gli essere umani. Gli splendidi disegni sono caratterizzati da un ottimo utilizzo del bianco, del nero e del grigio.

Racconti dal Derryleng vede all’opera molti autori, ogni sceneggiatore riesce a creare una storia particolare dosando al meglio le giuste caratteristiche del genere; ciascun disegnatore la rende unica grazie al proprio stile. È inevitabile che, a fine lettura, ogni lettore avrà delle preferenze, sia per le illustrazioni che per la sceneggiatura.

Da menzionare i riferimenti alla serie madre, il demonologo di Edimburgo poi farà anche una comparsa.

Concludendo, è un volume interessante per ogni appassionato dell’horror. Consigliato anche a chi non segue la serie principale. Il volume è disponibile in edicola dall’8 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *