• Sab. Giu 19th, 2021

La vita di H.P. Lovecraft a fumetto: Colui che scriveva nelle tenebre

Vi erano mancate le storie di Lovecraft? Sono sincera, a me erano mancate tantissimo. Questa volta però non ci troviamo davanti al riadattamento a fumetto di racconti o romanzi del Maestro di Providence: siamo proprio davanti ad uno spaccato della sua vita, i suoi ultimi 12 anni. “Howard P. Lovecraft – Colui che scriveva nelle tenebre” è un volume edito da MagicPress e, possiamo dire che sia una vera e propria biografia, scritta da Alex Nikolavitch e illustrata e colorata da Gervasio, Carlos Aòn e Lara Lee.

Chi era veramente il solitario di Providence?

Tutti noi abbiamo più o meno sentito parlare delle opere che hanno reso Lovecraft un’icona dell’horror e un esempio da seguire per moltissimi scrittori, Stephen King e Alan Moore per citarne alcuni. Ma in vita non fu così celebre, anzi, e questo fumetto ci fa partecipi in primis delle difficoltà economiche dovute alla fatica di riuscire a far pubblicare i suoi racconti. Veniamo a conoscenza di un matrimonio non proprio felice, complice anche l’attaccamento morboso dell’artista alla sua città natale: la sua stanzetta nella casa della zia a Providence ed il cimitero di paese ispirarono la maggior parte delle opere lovecraftiane.

La vita di Lovecraft tra il 1924 e il 1937, anno della sua scomparsa, scorre tra difficoltà, scambi di lettere con amici e colleghi, e la scrittura, in cui l’autore trova riparo e conforto. Il compito di tramandare e pubblicare i racconti del maestro dopo la sua morte, fu affidato ad un giovanissimo Robert Barlow, ed è proprio grazie a lui che oggi siamo a conoscenza di molti scritti di Lovecraft.

Il comparto grafico devo dire che non lascia il segno: i disegni sono molto semplici e cartooneschi, e per molti versi risultano un po’ retrò. Per essere “Colui che scrive nelle tenebre” c’è troppa luce e poca oscurità.

Nonostante questo, trovo che sia un volume perfetto per i fan di Lovecraft e per chi vuole saperne di più sulla sua vita leggendo qualcosa di meno “pesante” o noioso di una semplice biografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *