• Gio. Set 23rd, 2021

Samuel Stern #19 – I sotterranei di Edimburgo / La recensione

Samuel Stern è puntuale ogni mese in edicola, infatti anche a maggio è uscito un nuovo numero della serie di successo della Bugs Comics. Questo diciannovesimo volume, intitolato “I sotterranei di Edimburgo”, vede ai testi Massimiliano Filadoro, Gianmarco Fumasoli e Marco Savegnago, mentre ai disegni abbiamo Antonio Mlinaric.

Verso il 1500 ci fu un incremento della popolazione ad Edimburgo, così fu deciso di estendere la città. Giacché non era possibile espanderla verso l’esterno per la presenza della muraglia che la proteggeva dalle invasioni nemiche,  furono costruite delle case in altezza. I ricchi abitavano nei piani alti, mentre i poveri nei sotterranei. Quando nel XVII  secolo scoppiò la peste bubbonica, i governanti decisero di contenere l’epidemia, sigillando la città e i suoi abitanti. Così, sia i sani che i malati furono murati vivi. Questa parte di storia della capitale scozzese viene narrata da Alan Panford, attore del Ghost Tour, spettacolo dedicato ai misteri e ai fantasmi di Edimburgo. Alan è un vecchio amico di Samuel e vuole discutere con lui del manoscritto che gli ha inviato qualche giorno prima, così lo invita a cena. Qui, i due hanno un contatto e il nostro demonologo avverte che c’è qualcosa dentro Alan. Lo aiuterà?

Per la sceneggiatura di Samuel, il trio Filadoro-Fumasoli-Savegnago aveva passato il testimone ad altri autori; dopo quattro mesi ritorna la famosa triade e lo fa con il botto. Questa volta, i tre sceneggiatori guidano il lettore nei vicoli e nel sottoterra di Edimburgo, attraverso la Storia e le leggende della città.

Nella capitale scozzese è davvero possibile visitare i suoi sotterranei, infatti ci sono delle guide che accompagnano i turisti nella loro esplorazione. Il quartiere Mary King’s Close, nominato all’interno di questo volume, è famoso per i suoi racconti di fantasmi. Quindi è interessante sapere che gli autori di Samuel creano una storia rifacendosi alla realtà e al passato.

In questo diciannovesimo episodio, chi si lascia persuadere dal male e dalle tenebre è Alan. Il suo passato fatto di umiliazioni e soprattutto i suoi fallimenti come attore e come sceneggiatore incidono sulla sua vita coniugale e sul presente, tanto da portarlo all’ossessione e alla follia. Ma qual è stata la crepa che ha fatto nascere in lui un demone?

“C’è una ragione per tutto questo?…Se c’è, io non la conosco. In fondo, non credo che i demoni rendano questo mondo peggiore di quanto non facciano già gli uomini da soli.”

Samuel pronuncia queste parole piene di incertezze per quello che fa. Con il tempo, abbiamo imparato che il demonologo non ha mai nascosto le sue perplessità sull’essere uno strumento di Dio. Questa volta, grazie all’aiuto di Angus, scoprirà anche maggiori informazioni sulla sua capacità di connettersi alle persone possedute.

I due librai poi si soffermano anche sulla questione Inferno. Esiste? È uno solo o ce ne sono tanti?

Tramite alcune spiegazioni del proprietario del Derryleng, Samuel arriva ad affermare:“Ogni uomo ha un potenziale inferno dentro di sé.” Cosa intende dire?

In questa nuova avventura quindi la spalla del Rosso è Angus, e a mio avviso è stata una scelta molto interessante, in quanto si ha il punto di vista di qualcuno che non è una figura religiosa come Padre Duncan.

Forse mai come in questo volume, si percepisce la fragilità dell’essere umano. Prima con Adam e i suoi sogni infranti, poi con Samuel e il suo passato, che infatti continua a tormentarsi per la morte della moglie sentendosi responsabile.

Con I sotterranei di Edimburgo, gli autori creano una storia avvincente. La sua narrazione dal ritmo incalzante e le atmosfere cupe delle tavole riescono ad infondere nel lettore angoscia e inquietudine.

Mlinaric ritorna a disegnare il libraio di Edimburgo dopo Samuel Stern Extra 2020. I suoi disegni sono semplicemente meravigliosi, riesce a donare un’espressività tale ai personaggi da sembrare reali e le loro emozioni finiscono col riflettersi nel lettore.

In conclusione, è una storia che riesce trascinare il lettore in un turbinio di emozioni e di rivelazioni. Questo diciannovesimo episodio di Samuel Stern è assolutamente imperdibile.

Il volume è disponibile in edicola dal 29 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *